Temperatura gas di scarico diesel


  1. Prodotti intorno al motore
  2. 10 domande e 10 risposte sui motori diesel
  3. Comunicati stampa dell’Amministrazione federale
  4. Emissioni diesel più pulite

temperatura gas di scarico su diesel. ragazzi salve a tutti. Io posseggo una fiat stilo jtd cv,al momento ha solo sostituzione. Uno dei parametri più importanti da tenere in considerazione su di un motore turbo diesel è senz'altro la temperatura dei gas di scarico. Il Sensore di Temperatura dei Gas di Scarico (EGTS), installato davanti al catalizzatore di ossidazione (DOC) e/o davanti al filtro antiparticolato Diesel (DPF​). Ebbene, c'è una diffetenza di quasi un centinaio di gradi tra benzina e gpl; è normale? A gas ho una temperatura intorno ai °C in.

Nome: temperatura gas di scarico diesel
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: MacOS. Android. iOS. Windows XP/7/10.
Licenza: Gratis!
Dimensione del file: 70.76 Megabytes

Le principali emissioni dei veicoli a motore NO x Smog a New York visto dal World Trade Center nel Mono- ossidi di azoto NO e NO 2 NOx prodotto in questo modo o naturalmente da fulmini reagiscono con l'ammoniaca , l'umidità, e altri composti per formare acido nitrico vapore e particelle legate. Piccole particelle possono penetrare in profondità nel tessuto polmonare sensibile e danneggiarlo, causando morte prematura in casi estremi.

L'inalazione di nessuna specie aumenta il rischio di cancro al polmone e il cancro colorettale. In un US EPA studio le maggiori emissioni di NOx provenienti da sui veicoli a motore su strada, con il secondo contribuente essendo apparecchiature non stradali , che è per lo più stazioni di benzina e diesel. Composti organici volatili Apparecchi non stradali è prevalentemente stazioni di benzina e diesel.

Rimane per un certo tempo nella zona del particolato, ma poi la combustione prosegue e la miscela cambia dosatura.

Prodotti intorno al motore

Quello che abbiamo visto fa riferimento al diesel, ma con il benzina il comportamento è abbastanza simile. Per fare questo dobbiamo anche avere sensori di combustione capaci di rilevare il ciclo di pressione e tutto questo nei pochi microsecondi durante i quali si esplica una combustione.

E non solo. Tutto questo, ancora, se non bastasse, per tutte le condizioni di funzionamento del motore.

10 domande e 10 risposte sui motori diesel

Quella fin qui analizzata è un tipo di evoluzione possibile. La seconda via è quella di avere il right-sizing. Non è un caso, infatti, che nella tipica guida cittadina il motore funzioni pressoché sempre in condizioni di parzializzazione.

Per capire questa cosa dobbiamo far riferimento alla figura seguente. Spieghiamo cosa sono questi diagrammi.

Uno vale per tutti. Sono dei grafici che riportano le linee di isolivello. Quindi, la curva più alta che vediamo in questi grafici è la curva di coppia del motore, mentre agli estremi laterali troviamo il regime minimo e il regime massimo di giri.

Su questo piano vengono tracciate le linee di isolivello di un determinato parametro. Nel diagramma in alto, ad esempio, abbiamo le linee di isolivello del consumo specifico, in basso a sinistra quelle degli idrocarburi incombusti, e in basso a destra quella degli NOx. Vedete che se abbiamo una vettura che funziona a carico parziale, e osserviamo il diagramma in alto, ci troviamo a giri medio bassi, con bassa coppia e quindi in una zona ad alto consumo.

Questo per dire che se abbiamo un motore troppo grande per il lavoro che deve fare, ci troviamo a farlo lavorare in zone di rendimento più basso. Da qui il concetto di dimensionare bene il motore per il lavoro che deve svolgere. In questo caso, valgono anche altri tipi di considerazioni.

Comunicati stampa dell’Amministrazione federale

Ad esempio, un motore che gira a regimi medio bassi va incontro a minori attriti e la combustione è più efficiente perché è maggiore il tempo che essa ha a disposizione per potersi completare. Fatte queste considerazioni, possiamo passare ai diagrammi in basso per scoprire che, al contrario, la zona che corrisponde ai migliori consumi non è quella che va bene per la minimizzazione degli HC e degli NOx. Bisogna trovare un compromesso. Per capirlo analizziamo un motore a gasolio che funziona con un grosso eccesso di aria.

Se buttiamo gas inerti, abbiamo meno ossigeno e quindi meno NOx. Abbiamo quindi parlato degli interventi motoristici. Passiamo invece a considerare la seconda macchina super costosa, ossia il sistema di post trattamento dei gas di scarico.

Quando i gas passano attraverso il catalizzatore a tre vie, i parametri gialli diventano in parte verdi.

Emissioni diesel più pulite

Si tenga conto che stiamo visualizzando una scala logaritmica, con un logaritmo su base Il colore verde significa che i gas emessi sono diminuiti, nel migliore dei casi, di due ordini di grandezza, perché da sono passati a circa 1 HC. Un ordine di grandezza invece per gli NOx. Se poi a causa delle limitazioni imposte dalla normativa Euro VI quegli NOx sono ancora troppi come accade nella realtà dei fatti , allora dobbiamo aggiungere un nuovo pezzo al sistema di post trattamento.

Nel caso del diesel, con il primo catalizzatore abbattiamo solo gli HC, ma in realtà non riusciamo a fare nulla con il particolato e con gli NOx. I motori sono alti come un palazzo di 4 piani ma il funzionamento è lo stesso.

Dici che i polverizzatori non influiscono?!?! Conscumano a sbafo e basta?!?

Allora penso che non possiamo continuare a parlare. Sappi che è basilare un buon funzionamento dei polverizzatori. Scusa lo sfogo Re: Qual è la temperatura dei gas di scarico di un trattore?

La guarnizione della testata è basilare per un benzina Io di trattori non ne capisco,ma li portavamo con una nave in israele e ne discutavamo a borbo per l'esagerata potenza secondo noi dei motori,noi quegli stessi motori quasi li potevamo usare come generatori per il fabbisogno della nave.